Ultime News

News

Conosci lo Staff #5
Masam

29/03/2019 00:28:27

Quarto appuntamento della rubrica “Conosci lo STAFF”

In questo quinto appuntamento conosceremo meglio Massimiliano Verrengia Caporossi, aka Masam167, ovvero il bordocampista di fiducia che tutti vorrebbero avere, colui che segue e ci informa di tutto ciò che succede nelle partite off-stream!

Ciao Masam raccontaci un po di te!

Ciao ragazzi! Mi chiamo Massimiliano, e sono il vecchiaccio del gruppo XD, ho 36 anni sono Napoletano, ma da circa 5 anni vivo a Milano. Sono laureato in musica moderna presso la Middlesex University of London, chitarrista, compositore ed arrangiatore, ma attualmente lavoro in un negozio di abbigliamento per portare a casa la pagnotta.

Precisamente come ti sei avvicinato al mondo dei videogiochi?

A differenza di molti, qui nello staff, la mia storia con i videogiochi non è simbiotica. Essendo del 1982 ho vissuto un po’ quella che è stata l’evoluzione di questo mondo. Partendo dal Commodore64, passando per l’Amiga ed il SEGA megadrive, la Nintendo e la Xbox original arrivando poi ai PC performanti etc… Ma per me i videogiochi erano poco più che un passatempo, un paio d’ore ogni tanto a giocare a Double Dragon, Sonic, Super Mario, Olimpiadi Konami,Wonder Boy (che nostalgia, sigh :’) ) Ma per il resto erano partite di calcio IRL e combinare qualche marachella con i miei compagni d’infanzia.

Qual è il tuo videogioco preferito?

Domanda scomoda! Perchè amo diversi videogiochi per motivi diametralmente opposti! Ma se proprio devo scegliere credo che la risposta sia “Monkey Island”. Ho giocato tutta la saga! E me ne sono perdutamente innamorato. Dal primo con grafica e musichette 8-bit che rientrava, se non erro, in soli due floppy-disks, all’ultimo, sempre avvincente ed ironico, che conclude una storia che non delude mai.

E Rocket League?

Rocket League mi ha fatto completamente perdere la testa! E dire che quando mio fratello ed alcuni amici me lo fecero vedere, solo per pochi minuti, non mi colpì tantissimo; anche perchè non potevo giocarci finchè Psyonix non rilasciò la versione per Mac (unico computer di cui disponevo). Da lì, preso il gioco, fatto qualche partita in più, è finita… più ci giocavo, più volevo giocarci. Più ne capivo, più volevo migliorare, tanto che ho voluto prendere un pc per potermi godere al meglio l’esperienza di gioco!

Come sei entrato a far parte dello staff del IRC?

Ho conosciuto Laru tramite il gruppo facebook. Scrisse un post chiedendo chi volesse partecipare ad un provino per casters. Mi dissi “perchè no?”, ci trovammo una sera su discord e ricordo benissimo ci fossero già anche Tanatoss e Tristan, facemmo due chiacchiere e poi il provino, fatto insieme ad un altro ragazzo (che poi abbandonò per mancanza di tempo). Il provino andò bene e da lì in avanti siamo riusciti pian piano a mettere in piedi questo progetto. Sono molto fiero di essere parte di tutto ciò e di avere dei compagni meravigliosi con i quali è un piacere lavorare!

Quest’anno gestisci l’account twitter dell’Italian Rocket Championship. Raccontaci

Come in tutte le organizzazioni che vogliono lavorare bene c’è bisogno di dividersi i compiti. Io mi son preso l’incombenza di occuparmi di Twitter perchè è una piattaforma che mi piace, semplice, veloce, pochi fronzoli. Molto utile per dare informazioni e seguire rapidamente le cose che ti interessano.

Come è nata l’idea delle GIFs?

Era un po’ di tempo che pensavo ad un modo per condividere, con la community, quello che succede nelle partite off-stream che tento ogni volta di raccontare. Purtroppo, essendo l’unico ad assistere alle prodezze off-stream fare delle clip sarebbe stato davvero impegnativo. Poi ho conosciuto Gifyourgame, una APP geniale che ti consente di creare queste micro-clip al volo (anche se da spettatore non funziona granchè bene) e soprattutto di poterle condividere proprio su twitter! Da qui l’idea, che sembra molti stiano apprezzando.

Obbiettivi per quest’anno?

Crescere, insieme a tutto lo staff. Portare in alto questo progetto ed avere la visibilità che merita. Aiutare il panorama esportivo italiano, in particolare la community di Rocket league, ad alzare la testa, a capire che anche in Italia si possono fare competizioni importanti. In futuro mi piacerebbe che, tramite questi eventi, dei players, dei teams, capiscano il proprio potenziale, che lo sfruttino e che un giorno possano competere, anche a livello mondiale, per primeggiare! Sarebbe una enorme soddisfazione!

Un saluto

Saluto e ringrazio tutti i miei compagni d’avventura, che sono delle persone meravigliose (tanatoss di più perchè mi paga per dire questa cosa), piene di passione, che si impegnano tantissimo per raggiungere gli obiettivi e rendere al meglio; gli NLE che ci sostengono e credono in questa iniziativa; tutti i players, le ASD e gli spettatori che rendono possibile che progetti come il nostro possano esistere, resistere e crescere nella realtà.

#OwnYourPassion